Si… la musica è bella ma le parole?

Buonasera a tutti i naviganti, stasera voglio restare leggero e citare degli artisti musicali della musica italiana che a mio avviso fanno anche buona musica ma se andate a leggere i testi direi che non si sfiora il nonsense, ci si fa proprio una bella nuotata dentro!

Cominciamo con uno dei più seguiti, nonchè uno dei migliori parolieri: Tiziano Ferro. Leggiamo con estrema attenzione il testo seguente:

Odio tante cose da quando ti conosco

e non ne conosco neanche il perché ma lo intuisco

odio il mio nome solo senza il tuo, ogni fottuto addio

odio quando ti odi e mi allontani perché

 

Hai delle isole negli occhi

e il dolore più profondo

riposa almeno un’ora solo se ti incontro

e ti a-m-o e con le mani dico quello che non so

….

ho cercato davvero di intuire il significato di tutto ciò è il risultato è stato un mal di testa crescente. Ma può essere solo un caso, in fondo l’arte non va interpretata oggettivamente.

numero 2:

Io mi perdo nei dettagli e nei disordini, tu no

E temo il tuo passato e il mio passato

Ma tu no.

Me e te, è così chiaro

E sembra difficile.

… si Tiziano è davvero difficile. Baudelaire era meno enigmatico.

e finiamo con un capolavoro:

Solo che pensavo a quanto è inutile farneticare
E credere di stare bene quando è inverno e te
Togli le tue mani calde
Non mi abbracci e mi ripeti che son grande,
mi ricordi che rivivo in tante cose…nananana
Case, libri, auto, viaggi, fogli di giornale
Che anche se non valgo niente perlomeno a te
Ti permetto di sognare
E se hai voglia, di lasciarti camminare
Scusa, sai, non ti vorrei mai disturbare
Ma vuoi dirmi come questo può finire?
Non me lo so spiegare

sei hai voglia di lasciarti camminare??? Non valgo niente per lo meno a te?????

Ok l’unica frase che ha senso è: non me lo so spiegare.

Per oggi direi che basta, la prossima puntata parlerò di un altro grande, quindi Stay tuned!

Annunci

#primaveranimata

Per l’inizio della primavera la mia casa editrice, Lettere Animate ha lanciato una campagna di offerte su molti prodotti compreso il mio thriller Narcolexia. In merito a questo vorrei pubblicizzare un pò questa opera nella quale ho messo molto di me e per la quale ahimè ho fatto veramente poco. Quando pubblicai il mio primo libro ricordo che feci molto per pubblicizzarlo, invece col secondo ho peccato di trascuratezza. Provo a rimediare in qualche modo.

Narcolexia parla della difficoltà di vivere e di rapportarsi con le persone, parla dei muri che nascono quando si è solo concentrati su se stessi, quando ci si sente con le spalle al muro e si vorrebbe dare una svolta alla propria vita, quando l’unico appiglio alla realtà è la speranza.

I personaggi principali sono:

Alice: una ragazza narcolettica, che vuole a tutti i costi una vita normale e che si sente emarginata.

Morfeo: un uomo la cui tragedia infantile ha causato in lui una forte alienazione sociale, e la profonda convinzione che la vita reale è un’illusione inutile mentre il mondo dei sogni è l’unica via di salvezza. E’ un killer, un assassino, ma si crede un redentore.

Alex: il ragazzo di cui si innamora la protagonista, è profondamente altruista e trova in Alice la sua prova d’amore.

Posto un piccolo estratto:

“È la mia ora. Quando cala la sera io vivo nel mio mondo ideale. Le persone stanche vanno infine là dove hanno senso di esistere.

Nel cuore del riposo delle membra il nostro spirito è libero, può aprirsi alla vera essenza delle cose, può superare quelle barriere che durante il giorno ci affliggono. Quando chiudiamo gli occhi siamo noi stessi.

Mi avvicino al mio tavolo di lavoro dove posso esprimere tutta la mia gioia. Tocco le beute di vetro e i flaconi sterilizzati. Indosso i miei guanti in lattice e apro il contenitore di Propofol, prendo una siringa sterile e prelevo quindici cc. Li verso nella beuta, poi con attenzione prelevo una quantità minima di Fentanyl e l’aggiungo al composto. Questa è la dose iniziale, poi ce ne saranno altrettante. Certo, a volte ho sbagliato le dosi, oppure ho abusato della morfina ma dagli errori s’impara. Questo è l’elisir dell’amore, la formula chimica della felicità.”

Ecco il link all’acquisto

http://www.amazon.it/Narcolex%C3%ACa-Enzo-Cristofori-ebook/dp/B0173103I2/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1446141994&sr=1-1&keywords=narcolexia

Disillusione

Un tempo avevi delle aspettative. Anzi è la vita stessa che ti riempie di aspettative, e allora ti prepari, studi, lavori con fatica per avere quel qualcosa in più. E magari assaggi un po’ di quello che di dolce potresti avere per il tuo futuro. Ma un giorno ti accorgi che tutto ciò che hai ottenuto era solo una breve parentesi, come un sogno che ben presto finisce e poi ti svegli. La verità è che tutti dicono che non ti devi accontentare, che devi puntare alto ma ti ritrovi a non poter far null’altro che lasciarti vivere e prendere quelle briciole che trovi per terra. E quel momento dove ti senti in cima al mondo viene cancellato lasciandoti una flebile speranza che magari tornerà, ma poi il tempo passa e non succede, e man mano dimentichi quella persona, sembra un’altra, sembra qualcuno che non sei più. Le tue qualifiche ed esperienze non ti appartengono e non servono più a niente. E ricominci da zero. Pensi a quel giorno in cui tuo padre ti disse: “Ti ho fatto studiare così tanto perchè tu non facessi la vita che ho fatto io, perchè è dura”; Il cerchio si chiude e alla fine stai proprio facendo ciò che lui non voleva tu facessi.

Ma forse mi sbaglio, forse anche questa è una parentesi e magari, un giorno mi sveglierò di nuovo.

Chi è Alice?

Alice è la protagonista del mio ultimo romanzo. Detto questo l’articolo potrebbe già essere finito ma non voglio cadere nel ridicolo. Alice è la metafora della mia vita, pensate ad un bruco nel suo bozzolo che non riesce mai a diventare farfalla, che vede le brutture della sua vita scorrergli addosso senza poterci fare nulla e nel suo piccolo spera che un giorno diventerà quella farfalla e potrà volare. Ma per quanto tempo un bruco può essere bruco senza impazzire? Quanto tempo si può vivere aspettando che arrivi quel qualcosa che ti cambierà la vita, ma poi non arriva mai, giorno dopo giorno, ed ogni minuto in più è una piccola consapevolezza che ciò non avverrà mai.

Alice diventa una farfalla nel mio romanzo, perché una storia nasce per insegnare qualcosa, per non farci scoraggiare dalla pesantezza della vita quotidiana. Vorrei davvero che leggeste questo romanzo perché rappresenta una storia fuori dal normale ma in cui tutti i protagonisti in realtà cercano la loro felicità.

A chi interessasse lascio il link:

http://www.amazon.it/Narcolex%C3%ACa-Enzo-Cristofori-ebook/dp/B0173103I2

Doveri

Pensate a questa parola e fate mente locale… quante delle vostre azioni quotidiane fanno parte di questa categoria? E quante invece fanno parte dei Piaceri?

Cominciamo con il dovere per antonomasia: il lavoro. Io credo che pochi possano far coincidere il lavoro con piacere, e questi eletti forse non sanno cosa hanno tra le mani. Per la stragrande maggioranza di tutti gli altri il lavoro è esclusivamente un dovere. E nella migliore delle ipotesi sono 8 ore al giorno. Quante ore ci sono in una giornata? 24 mi dicono dalla regia, quindi 8 ore corrispondono al 30% del giorno. Lasciamo perdere gli straordinari. Poi ci sono cose come: la spesa, le faccende burocratiche come pagare una bolletta, o andare all’asilo a prendere i bambini (per chi ha famiglia), andare in farmacia, ecc. questo mediamente potrebbe occupare dai 40 minuti ad un’ora, ed io essendo positivo ci metto 40 minuti. Circa il 3%. Poi abbiamo la casa: mettere a posto, cucinare, pulire, lavare i piatti, la cucina, e tutto ciò che concerne la casa. Questo ci occupa un paio di ore al giorno, premettendo che pranziamo fuori a lavoro. 2 ore = 12%. Ah poi giustamente mettiamo in conto che almeno 7 ore dobbiamo dormirle? 29% . Voi mi direte, ma esiste il weekend! Quello possiamo dedicarlo al piacere… certo dopo che si sono adempiuti i doveri che non siamo riusciti a fare in settimana e sono tanti. Per esempio la mega spesa della settimana, fare benzina, pulire bene la casa. Ma parliamo dei giorni settimanali, finora abbiamo raggiunto un bel 74%. Vedete voi se lavarsi è un dovere o un piacere, a seconda della risposta si può arrivare all’ 80% come niente.

Tutto questo discorso per fermarci un momento a capire cosa davvero ci fa sentire vivi, cosa rimane scolpito nella nostra memoria e cosa ricorderemo più facilmente della nostra vita, i doveri o i piaceri? Tutto ciò che ci rende felici, umani e speranzosi, è quel 26% della nostra giornata, così prezioso e così sfuggente. Ed è per questo che cerchiamo sempre di più la felicità, perchè ne abbiamo così poca da goderci che non basta mai.

Ah, per dovere di cronaca (eh si anche qui doveri…) bisogna annoverare nei doveri anche quelle volte che bisogna ascoltare i problemi di qualcun altro ( ma come non ne abbiamo già abbastanza dei nostri?).

Estremismi

Stasera voglio soffermarmi su alcuni fenomeni del nostro tempo, le cosiddette “lotte” etiche che spesso nascondono più che un’etica, l’ipocrisia che si stia salvaguardando qualcosa o addirittura salvando qualcuno. L’esempio del Vegano è solo uno spunto di riflessione che mi porta a diffidare generalmente di tutti gli estremismi, in qualsiasi campo. Premetto che con questo articolo non si vuole puntare il dito contro nessuno, ciascuno è libero di pensarla come vuole, in qualsiasi campo. Tuttavia vorrei solo stimolare la vostra riflessione sul seguente ragionamento: il veganesimo è, come dice wikipedia:   “un movimento filosofico basato su uno stile di vita fondato sul rifiuto – nei limiti del possibile e praticabile – di ogni forma di sfruttamento degli animali (per alimentazione, abbigliamento, spettacolo e ogni altro scopo)”. Allora la prima domanda che mi assale è la seguente: che significa quel “nei limiti del possibile e praticabile”? Una filosofia di vita spesso ci induce ad autoconvincerci che stiamo facendo tutto ciò che ci fa stare bene con noi stessi, quindi il vegano non fa nulla che comporti la sofferenza di un animale. In primis non mangia carne, e vabè qua è facile, poi non usa indumenti derivati da pelle animale. Non usa prodotti testati su animali, medicinali testati su animali, se sta male quindi non si cura col farmaco adeguato perchè per farlo si sono serviti di animali. No lana, no seta (poveri bachi che vengono sfruttati), solo fibre sintetiche, che attenzione ci si prenderà la briga di accertarsi che i prodotti chimici utilizzati non siano mai stati testati su animali. Però non lo immaginerete, esistono centinaia di componenti che compongono migliaia di oggetti di uso quotidiano, dallo spazzolino da denti alla televisione, che ahimè sono stati realizzati sfruttando gli animali.

La mia domanda è: ma siamo sicuri che il vegano in qualsiasi momento della sua giornata non sta usando qualcosa la cui creazione non ha fatto soffrire un animale?

Tutto questo per dire: state attenti a quando impugnate una bandiera  e siete pronti a dare battaglia a tutto il resto del mondo, perchè oggi la prima cosa che manca è la coerenza tra le nostre parole e le azioni.

PS: lo sapete che camminando pestiamo decine di formiche al giorno?

Writers Drug 2.0

Eh si, ne è passato di tempo. E’ vero la vita procede a fasi, e spesso quelle in cui facciamo meno quello che ci piace durano come un’eternità. Non scrivo da parecchio e la mancanza di questo mi ha logorato molto, proprio per questo ho intenzione di ripartire meglio di prima, di portare avanti i miei romanzi che latitano nel vuoto, e importantissimo riprendere a scrivere sul blog, a discapito dei pochi lettori che su esso si fermeranno.

Detto questo, faccio un riepilogo di come sono messo. Pubblicato finora due romanzi di genere diametralmente opposto, il primo è Soul Exile, un urban fantasy che guardando con occhio critico ora vedo come un abbozzo di romanzo, presenta parecchie ingenuità al suo interno e lo stile non è assolutamente definito. Ma è l’esordio e se l’obiettivo è migliorarsi sempre, io non ho altro da fare che crescere. Il secondo libro, Narcolexia, è uscito da poco ed è quello che chiamo secondo stadio di crescita. La storia è molto più profonda e rappresenta molto il mio intimo.

Ora sto scrivendo il secondo capitolo di Soul e ho idee per altri due romanzi, ho voglia di riprendere in mano la mia creatività e continuare a seminare qualcosa su questa strada che ho appena azzardato a percorrere. Incrociamo le dita. E via.